Muse - Pietro Scampini

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Muse

OPERE

A partire dai primi anni ottanta, si avvia nell'opera di Pietro il ciclo delle Muse, sculture realizzate in legno e marmo che nella titolazione fanno riferimento ai nove personaggi della mitologia greca, le figlie di Zeus e Mnemosine, scelte tematicamente in quanto rappresentanti l'ideale supremo dell'arte, ma che nella realizzazione plastica sono ancora una volta frutto dell'influenza africana, come sensibilità originaria. L'artista esprime nella stessa opera sogno e realtà secondo i dettami espressivi di una scultura che ha carattere tribale e totemico, delineando una mescolanza di africanismo e di cubismo. L'interesse principale è quello di mettere in scena la forza e la potenza delle energie naturali anche attraverso una parziale deformazione del corpo che in quanto tale non è più da rappresentare per quello che appare, ma per la valenza simbolica che sprigiona. Il mistero della vita, la forza creatrice di un mondo migliore, i miti cosmogonici, ricorrenti nella scultura africana, diventano la materia a cui Pietro attinge. Le muse sono così fonte di ispirazione, forme superiori di vita spirituale da invocare per raggiungere il vero, pur nella molteplicità dei significati. Opere che l'artista diversifica con i colori perchè ogni musa rappresenta un'arte diversa. Sono sculture beffarde e perentorie, polivalenti ed uniche al tempo stesso, autentiche espressioni vitali, sintesi di valori plastici e pittorici.

Torna ai contenuti | Torna al menu